RISULTATI ORGANICI O A PAGAMENTO? SU GOOGLE SEMPRE MENO DIFFERENZA

Da uno studio attendibile  condotto da Varn nel luglio 2016, su un target eterogeneo di 1.017 persone che vivono in Uk, è merso che il 54,7% di queste, quando fanno ricerche su Google, non sono in grado di capire la differenza fra i link a pagamento e quelli della ricerca organica.
Il 36,9% invece li distingue, ma non clicca link  a pagamento , mentre l’8,4% li distingue e li clicca.
E’ inoltre ancora più interessante notare che contrariamente a quanto ci si aspetterebbe, le differenze sono minime fra le varie fasce di età.

sondaggio-varn-luglio-2016-eta

Altro dato molto interessante è che confrontando questi risultati con la stessa ricerca effettuata qualche mese prima  nel  febbraio 2016, emerge che la percentuale di questi utenti è aumentata del 4%.

sondaggio-varn-luglio-2016

 


Da cosa dipende questo aumento?

Forse avrete notato, effettuando una ricerca su Google, che i risultati sponsorizzati di Google AdWords ora non compaiono più nella barra laterale di destra, ma in testa e in coda ai risultati organici (fino a 4 in alto e fino a 3 in basso), così come veniva già visualizzato da mobile. Google ha reso simile la visualizzazione desktop e quella mobile.

Si tratta di una novità sicuramente rivoluzionaria che tende a uniformare i risultati di ricerca organici e a pagamento, rendendoli praticamente indistinguibili per un pubblico meno esperto, come evidenziano i dati delle ricerche, anche se quelli a pagamento sono ancora contrassegnati dalla scritta verde “Ann.”, che in precedenza era di colore giallo e quindi più visibile.

differenza-pubblicita-risultati-organici

 

Ma come si comporta il mercato Italiano quando si trova di fronte alla pagina di risultati?

L’unica ricerca, ma un po’ datata, che può darci un’idea del comportamento del mercato italiano, è quella condotta da  SEMS e Nextplora nel 2005.
L’analisi evidenziava come  la quasi totalità degli italiani che effettuavano ricerche sui motori, erano interessati per prima cosa ai risultati naturali; solo lo 1,1% degli utenti aveva dichiarato di porre più attenzione prima ai risultati sponsorizzati che ai risultati naturali, mentre il 58,5% degli italiani ricorreva ai link sponsorizzati saltuariamente, per ricerche di tipo commerciale. Il 16,3% degli utenti aveva dichiarato invece di non cliccare mai i risultati sponsorizzati, o per mancanza di fiducia o perché ritenuti di scarso interesse.

Il 60% degli italiani prestava attenzione ai link sponsorizzati se non trovava argomenti rilevanti tra i risultati naturali. A rivolgersi più frequentemente ai link sponsorizzati erano più gli uomini che le donne, mentre per quanto riguarda le fasce d’età, i minori fruitori erano gli utenti della fascia d’età 14-24 anni (quella con il potere d’acquisto inferiore); mentre il valore più elevato apparteneva alla fascia d’età over 65 anni.

ricerca google mercato italiano

ricerca google mercato italiano

Invece già nel 2005 sembra che l’utente italiano fosse meno sprovveduto di quello inglese, poiché il  60% degli utenti aveva dichiarato di essere in grado di distinguere chiaramente fra le due opzioni.

Ma ora che la presentazione dei risultati di ricerca si è maggiormente uniformata, i dati del sondaggio sarebbero gli stessi?

A nostro avviso, come ha intuito anche Google stesso, l’utente si fiderà sempre di più dei messaggi a pagamento, vuoi per una sempre minore distinzione dai risultati organici, vuoi anche per lo sforzo compiuto da Google di rispondere in maniera sempre più  rilevante e qualitativa alle ricerche effettuate, anche attraverso gli annunci AdWords .

Per le aziende quindi  sarà sempre più proficuo e importante investire in Campagne Adwords per collocarsi in prima pagina e sbaragliare la concorrenza.

Rimane poi sempre la possibilità gratuita di farsi trovare sul Web, anche se lo spazio in prima pagina è stato ridotto notevolmente. Bisognerà quindi essere sempre più lungimiranti e affidarsi a professionisti per far ottimizzare al meglio il proprio sito lato Seo, offrendo anche contenuti aggiornati e interessanti per il proprio pubblico di riferimento per non sparire in fondo alle ricerche della Serp.

Se hai un’azienda e vuoi comparire nelle prime pagine dei motori per aumentare il tuo fatturato, contattaci senza impegno!

contattaci-ora

SalvaSalva

Agenzia Righetti